fbpx

COLLEZIONISTA PER PASSIONE

Fin da bambino sono cresciuto con la passione per il mondo Disney©.

Una delle prime foto mi ritrae a sfogliare all’età di circa tre anni un vecchio Topolino di mio padre, e da lì poi non ho più smesso! Durante le superiori la passione si è focalizzata sui mitici fumetti per approdare poi in epoca universitaria alle “creature di gomma” che non sono altro che i protagonisti dei cartoons trasportati tridimensionalmente in gomma. La collezione è diventata sempre più importante di anno in anno, e i pezzi mancanti sempre più rari e dispendiosi.

La necessità di reperire i patrimoni da reinvestire unita allo spirito del collezionista in eterna ricerca e alla curiosità caratteriale verso nuove esperienze mi ha portato, durante gli studi universitari, a frequentare come venditore-hobbista diversi mercatini dell’antiquariato e del collezionismo e le fiere del settore di tutto il Triveneto, per anni. Non nascondo che è stato un periodo duro: alzate all’alba, con qualsiasi clima e temperatura, dal caldo più afoso al gelo invernale, lotte per il posto, incidenti di percorso, fatiche, ma è stata anche un utile “palestra di vita” che mi ha messo in contatto con persone di tutte le età, estrazioni sociali, e soprattutto passioni; il confronto e lo scambio di opinioni e informazioni erano all’ordine del giorno, come i nuovi contatti per incrementare la mia collezione.

Proprio grazie ai mercatini e alle conseguenti conoscenze, arrivai a comprare nel 1994 un blocco di pupazzi Disney© Ledraplastic© degli anni ‘60 inizialmente con l’idea poi di riproporli in vendita nei mercati. Ma ne rimasi immediatamente estasiato e decisi di tenerli in casa accanto alla collezione di Topolino & Co. Erano vita, espressione e parola della mia raccolta di fumetti!

Ricordo di aver passato diverso tempo ammirandone le fatture, studiandone le espressioni, ascoltandone i suoni, ma soprattutto annusandone gli odori dolciastri della gomma dell’epoca che sprigionavano da quell’angolo di casa che tanto mi ricordava il paese dei balocchi.

Qualche doppione decisi di portarlo in esposizione e non durò molto, da lì capii che erano anche oggetti ammirati e collezionati e che non ero il solo a trovarli incredibilmente belli. L’anno successivo entrai in contatto con Franco, il titolare di Bambolandia, un negozio di bambole e pupazzi d’epoca e di personale fabbricazione del centro storico di Venezia. Fu lui a propormi 160 pupazzi Ledraplastic© e simili per liberarsi il magazzino. Ed io non me lo feci dire due volte e a gran fatica riuscii a caricare tutte le Creature di Gommasulla mia vecchia Ford Sierra; non avendo scatoloni a sufficienza decine di pezzi restarono fluttuanti all’interno dell’auto, li immaginavo sorridenti e divertiti all’interno di quella giostra di lamiera a movimento meccanico, come divertite, erano le persone che ammiravano ai semafori quel folle alla guida di quella vecchia auto carica di pupazzi di gomma! Nel blocco c’erano oltre ai pezzi Disney© Ledra©, anche pupazzi di altre case di produzione, alcuni pezzi Warner Bros©, della Rubbertoys©, altri pupazzi Hanna & Barbera©, della Canova©, ed altri ancora di marche minori, e così la mia collezione si allargò alla produzione del genere in Italia, e poi nel mondo.

A volte il pupazzo è difficilmente catalogabile perché privo di qualsiasi marchio o simbolo distintivo. Per questi “personaggi in cerca d’autore” posso solo ipotizzare una provenienza dal genere di gomma di cui sono composti che ne identifica l’età e dalle fattezze che possono aiutare ad azzardarne la casa di produzione o perlomeno il paese di provenienza. Anticipo comunque le mie scuse in caso di errori di valutazione o imperfezioni, ma è un mondo talmente vasto che diventa impossibile non cadere in qualche interpretazione soggettiva. Inoltre esisterà sicuramente qualche creatura a me ancora sconosciuta (ma magari conosciuta ad altri) che riposa in un meandro nascosto di un palazzo d’epoca o in un pagliaio in disuso di un casolare di campagna costretto ad un’anonima esistenza dimenticato dal mondo… chiedo quindi la collaborazione da parte di tutti voi collezionisti ed appassionati per poter rendere questo catalogo il meno lacunoso possibile, ed ogni informazione sarà sempre ben accetta.

Negli ultimi 15 anni, come poteet vedere nella sezione Rassegna stampa, ho collaborato con diverse riviste del settore per articoli sul Pupazzo di Gomma (vedi Il Curioso, anno X n°58, Ottobre 2003; Collezionare, anno XXI, n°3 Marzo 2011; Il Curioso, anno IV n°22, Giugno 2009; La Gazzetta dell’Antiquariato, anno XVIII n°193, Ottobre 2012), ho partecipato ad interviste radiofoniche e soprattutto, quasi per gioco, ho stampato nel 2003 il mio primo libro-catalogo per collezionisti: “Creature di Gomma”, che rappresenta l’unico riferimento sul genere in Europa.
In America esiste: Squeaky Toys, A Collector’s Handbook and Price Guide. L.H. Mackenzie. Shiffer Books 1998 che cataloga ogni genere di pupazzo in gomma, non solo dei cartoons.

La pubblicazione di “Creature di Gomma” spero abbia aiutato in qualche modo chi si affacciava per la prima volta a questo mondo, ma sicuramente ha dato a me la possibilità di conoscere centinaia di appassionati del settore.
Successivamente, nel 2013 ho prodotto un nuovo lavoro: “Creature di Gomma – La Favola di Venezia” che rappresenta una integrazione al precedente libro, o se vogliamo, un nuovo catalogo per collezionisti il più esaustivo possibile, ricco di informazioni e considerazioni, curiosità e valutazioni, ma soprattutto ho voluto unire nel modo più scenografico possibile (grazie all’arte della fotografia dell’amico Gianluca Zathila) quella che è la mia passione per gli “squeaky toys”, all’amore per la mia città, Venezia, che con le dovute proporzioni (ovviamente a suo favore), reputo unica ed espressiva, creativa e nostalgica come gran parte delle nostre Creature di Gomma!

Inoltre ho collaborato con diverse mostre ed esposizioni tra cui la Triennale di Milano.

Oggi la mia collezione conta oltre 5000 Creature di Gomma (tutte rigorosamente dagli anni ‘50 agli anni ‘80 ed esclusivamente di personaggi legati al mondo dei cartoni animati, dei fumetti, del Carosello, della pubblicità e della TV in genere).
Ora il mio sogno si sta per realizzare: Creature di Gomma – Venice Vintage Toys Exposition, sta diventando realtà, e con la prossima apertura, prevista nel 2019, in campo San Stin in Centro Storico a Venezia, verrà esposta la collezione di una vita, che è arrivata ad essere una delle più importanti del genere.

Nell’Esposizione saranno presenti materiali di fabbrica dell’epoca, video multimediali, packaging originali, materiale cartaceo di riferimento (poster, cataloghi e molto altro ancora). Stay tuned!